Uno sguardo ai paesi dei maniaci del lavoro mondiali



Un termine coniato da Wayne Edward Oates (uno psicologo ed educatore religioso), workaholism si riferisce a un rapporto patologico tra l'uomo e il suo lavoro. Specializzati per descrivere questa dipendenza come un bisogno costante di essere coinvolti in attività legate al lavoro.

Anche se workaholism è di solito un problema individuale, la sua frequenza e la sua gravità dipendono dal tipo di società, l'economia e la cultura dei soggetti appartengono. Parecchi



Gli studi sono stati condotti negli ultimi anni ed i risultati indicano un certo numero di paesi in cui il comportamento maniaco del lavoro è un modello sociale, ma anche di fondamentale importanza per gli psicologi.

E il Giappone - più stacanovista nel paese

Con una media di circa 2.000 ore l'anno, il Giappone è considerato stakanovista del mondo. In realtà, questo fenomeno è iniziato nel paese del Sol Levante, che si è tenuta nel 1969, il primo caso di " Karoshi - il termine giapponese per riferirsi a " morte da superlavoro. Diversi morti improvvise sul lavoro sono stati registrati in Giappone negli anni '80. Le prime statistiche sulla Karoshi " costituivano un monito per le autorità locali che hanno dato grosse somme di denaro a titolo di risarcimento per le famiglie delle vittime e ha compiuto sforzi per prevenire tali eventi.

Nonostante l'impressionante quantità di centri di assistenza dedicati a questa malattia, molti lavoratori giapponesi muoiono ogni anno a causa della sua dipendenza dal lavoro. Sembra che le radici di questa dipendenza sono nella cultura giapponese. Pertanto, i risultati di un sondaggio condotto dall'Agenzia programmazione economica del Giappone in un campione di 300 uomini d'affari stranieri, mostrano che la colpa è messo sulla pressione che esiste per gli straordinari e dare il ferie pagate. Secondo lo studio, uno dei due dipendenti giapponesi sono riluttanti a prendere tempo fuori per paura di sconvolgere il vostro capo o di vedere la loro lealtà verso la società che ha preso in dubbio.

-Altri paesi workaholic

Tuttavia, il Giappone non è l'unico paese colpito da questa dipendenza. Secondo il sondaggio Ipsos globale, solo il 47% degli australiani e sudafricani prendere i loro giorni di ferie l'anno e la stessa percentuale dei sudcoreani a lasciare le proprie vacanze in modo da continuare a lavorare. Americani e canadesi hanno la stessa media, quando si tratta di ore annuali e quasi la stessa percentuale della popolazione (57% negli Stati Uniti e il 58% per il Canada) prendere tutti i loro giorni di vacanza assegnati. Inoltre, workaholism è visto come un rispettabile " dipendenza in molte aziende.

Come potete vedere, il numero di ore trascorse al lavoro differiscono da un paese all'altro, e tutti i risultati statistici devono essere interpretati in un determinato contesto. Oggi, ci sono gli sforzi di tutto il mondo per ridurre la dipendenza dalla frequenza. Inoltre, i progressi tecnologici portano flessibilità del lavoro. Nonostante tutto questo, al momento non ci sono molte organizzazioni che workaholism fa parte della cultura aziendale.

Carriere 01-01-2016 - 0 Commenti
No comments

Leave a Reply

Security code